PozzuoliToday

Quarto: cittadini multati si ribellano ai vigili

Momenti di tensione si sono avuti durante i controlli effettuati dalla Polizia a Quarto, Municipale nella zona di via Campana e del Bivio. Commercianti e automobilisti contravvenzionati si sono ribellati ai vigili con spintoni e insulti

Ieri a Quarto si è consumata una piccola ribellione contro i vigili urbani nella zona di via Campana e del Bivio. Durante i controlli effettuati dalla Polizia municipale, i commercianti e automobilisti che erano stati multati per aver lasciato l'automobile in divieto di sosta e per non aver rispettato l'obbligo delle cinture di sicurezza in auto, si sono ribellati ai vigili urbani, cercando di bloccarne l'attività.

Qualche attimo di tensione: invettive verbale e qualche spintone per intimidire il lavoro degli agenti della polizia municipale. L' accaduto è stato condannato in una nota dal sindaco di Quarto Sauro Secone. "I comportamenti tenuti dagli automobilisti e, come mi riferiscono, anche da alcuni commercianti della zona del Bivio sono deprecabili e si commentano da soli - ha affermato il sindaco Secone - esprimo solidarietà agli agenti della polizia municipale che ogni giorno sono impegnati in strada nel difficile controllo del territorio".

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • "Si' propeto 'na céuza" vuol dire che...

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Rissa nel Vasto, "grida disumane". Un quarantenne finisce in ospedale

  • Tragedia in Kenya: napoletano muore durante il viaggio di nozze

  • Amichevole in famiglia in casa Juve, cori contro i napoletani: Sarri fa finta di nulla

  • Tragedia all'isola d'Elba: napoletano trovato morto nella casa in cui era in vacanza

  • Tony Colombo, attacco da Borrelli: "Senza casco e sul marciapiede, esempio di inciviltà"

Torna su
NapoliToday è in caricamento