PozzuoliToday

Espugnata Bergamo e il Napoli vola al quarto posto in classifica

Gli uomini di Mazzarri vincono nettamente 2-0 lanciati da un supergol di Quagliarella. I partenopei scavalcano Parma e Roma in classifica e si lanciano alla caccia di un posto che vale l’Europa che conta

Buon anno nuovo Napoli! I fuochi d’artificio arrivano con sei giorni di ritardo e sullo sfondo non c’è il Vesuvio con il Golfo, ma la fredda Bergamo. La festa comunque non manca e il Napoli gongola per l’undicesimo risultato positivo di fila. La vittoria all’Atleti Azzurri d’Italia consente agli azzurri di piazzarsi in solitaria al quarto posto, approfittando del mezzo passo falso della Roma e del ko del Parma. La Champions, per quanto traguardo forse eccessivo per gli uomini di Mazzarri, per il momento rimane lì disponibile e se De Laurentiis dovesse compiere altri movimenti importanti sul mercato allora potrebbe trasformarsi in qualcosa di realmente agguantabile.

Contro un’Atalanta in crisi nera è sempre il Napoli a tenere il pallino del gioco in mano, rendendo la vita difficile all’ex Coppola e non rischiando quasi mai nella propria trequarti. Una prestazione matura, da squadra di comprovata esperienza che lascia ben sperare per il futuro. Il la al positivo pomeriggio azzurro lo dà ovviamente Fabio Quagliarella, che va a segno con uno di quei tiri che lo hanno reso famoso: stop ai 20 metri e conclusione di destro da fermo che bacia il palo alla sinistra di Coppola prima di insaccarsi. Un gol fantastico, ma perfettamente nelle corde dell’attaccante stabiese. Gli uomini di Mazzarri, trovato il vantaggio, non arretrano di un centimetro ed anzi cercano a ripetizione il raddoppio. Aronica costringe alla respinta in tuffo l’estremo difensore bergamasco, poi è Quagliarella a non sfruttare due nitide opportunità. La spinta dei partenopei si fa via via sempre più incessante e solo il cincischiare di Hamsik in area atalantina e un volo all’incrocio di Coppola su una punizione ben calibrata da Gargano non rendono più pesante il passivo per i nerazzurri. Il pubblico non gradisce e gli uomini di Conte vengono subissati dai fischi all’ingresso verso gli spogliatoi.

Le solite imprecisioni sotto rete sembrano essere un copione già visto per i napoletani, puntualmente puniti sia a Parma che a Cagliari dopo essere stati in grado di dominare in lungo e largo il match. E così quando Quagliarella sbaglia l’ennesima palla gol solo dinanzi a Coppola comincia a suonare qualche campanello d’allarme. Dall’altra parte però c’è un’Atalanta così sterile da non riuscire ad andare oltre qualche conclusione ciabattata dal limite dell’area che impensierisce a malapena De Sanctis. Tocca allora a Pazienza mettere la parola fine alla disputa. Il mediano azzurro realizza, così come già accaduto al Sant’Elia, sugli sviluppi di un calcio d’angolo il 2-0 saltando con tempismo e prontezza. I restanti trenta minuti sono buoni solo per le contestazioni dei tifosi di casa verso la squadra nerazzurra che non riesce ad imbastire alcuna azione pericolosa.
Da Bergamo arrivano così solo notizie positive per Mazzarri che attende ancora Dossena. L’elemento che potrebbe dare ancora maggiore qualità ad una squadra che ha incominciato davvero a volare e che non vuole più fermarsi.

TOP

Pazienza 7: Risponde a tutti quelli che invocano un acquisto a centrocampo a gennaio. Si sta togliendo tante soddisfazioni dopo essere passato per oggetto misterioso. Difende alla grande, imposta con attenzione e va ancora a segno.

Grava 6,5: E’ tra quelli meno reclamizzati dell’organico partenopeo, ma ogni qual volta viene chiamato in causa non fa mai mancare il proprio apporto. Insuperabile, il migliore del pacchetto arretrato.

FLOP


Maggio 5: Spinge poco e male, non facendosi mai trovare pronto al traversone. Si scarifica molto in fase difensiva.

Hamsik 5: Impalpabile. Non entra mai nel vivo del gioco, girando sovente a largo. Avrà tempo e modo per rifarsi e confermarsi lo splendido giocatore ammirato nella parte finale del 2009.

ATALANTA-NAPOLI 0-2

ATALANTA (4-4-2): Coppola; Garics (21' st Valdes), Bianco, Manfredini (20' pt Peluso), Bellini; Ceravolo, De Ascentis, Guarente, Padoin; Tiribocchi, Acquafresca (21' st Doni). All. Conte.
NAPOLI (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Rinaudo (8' st Zuniga), Grava; Maggio, Gargano, Pazienza, Aronica; Hamsik (17' st Cigarini), Lavezzi (35' st Datolo); Quagliarella. All. Mazzarri.
Arbitro: Rosetti di Torino.
Reti: nel pt al 7' Quagliarella, nel st al 13' Pazienza.
Ammoniti: Bianco, Tiribocchi, Peluso, Padoin, Aronica, Valde

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • "Si' propeto 'na céuza" vuol dire che...

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Rissa nel Vasto, "grida disumane". Un quarantenne finisce in ospedale

  • Tragedia in Kenya: napoletano muore durante il viaggio di nozze

  • Amichevole in famiglia in casa Juve, cori contro i napoletani: Sarri fa finta di nulla

  • Tragedia all'isola d'Elba: napoletano trovato morto nella casa in cui era in vacanza

  • Tony Colombo, attacco da Borrelli: "Senza casco e sul marciapiede, esempio di inciviltà"

Torna su
NapoliToday è in caricamento