PozzuoliToday

Pua e amministrative: parla Filippo Monaco, Pozzuoli Futura

"Il commissario avrebbe fatto bene a non firmare il Pua e ad aspettare l'insediamento della prossima amministrazione". E con la delegazione dell'Udc: "Abbiamo parlato di programmi. Solo così possiamo risanare la nostra città"

Il logo del movimento Pozzuoli Futura

Ancora polemiche per la firma del Piano Urbanistico Attuativo del commissario straordinario del comune di Pozzuoli, Ugo Mastrolitto. Anche il segretario del movimento politico Pozzuoli Futura, Filippo Monaco, non sembra essere tanto d'accordo.

«Non comprendiamo la decisione del commissario – afferma Monaco, probabile candidato sindaco per il centrodestra. L'approvazione del Pua è un impegno importante. Anche se il Commissario aveva il potere di farlo, sarebbe stato necessario un confronto con i partiti o, meglio, aspettare l'insediamento della nuova amministrazione. È la dimostrazione che in questa città è indispensabile tornare a parlare di politica».

Ma Filippo Monaco fa anche chiarezza sugli incontri che si sono avuti la settimana scorsa, tra le forze politiche e il partito dell'Udc, che anche per questa tornata amministrativa, sembra essere l'ago della bilancia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Nel corso dell'incontro avuto con la delegazione dell'Udc, svolto in una serena e franca atmosfera dialettica – ribadisce il segretario Filippo Monaco – Pozzuoli Futura, ha confermato la sua disponibilità a dialogare con tutti a partire dai programmi. È irresponsabile che la politica locale continui ad avvitarsi su nomi e coalizioni improbabili e, in qualche caso, incestuose. Sin dai primi giorni dopo lo scioglimento del Consiglio Comunale abbiamo auspicato che con uno scatto di lucidità e di responsabilità si potesse dare vita ad un Governo di “larghe intese” o di “salute pubblica” che, autorevolmente, potesse affrontare i gravissimi problemi della città. Ma pare che, con sterile alterigia, tutti siano convinti di avere in tasca la ricetta miracolosa. Ribadiamo che Pozzuoli ha bisogno di un programma snello e credibile che fissi una scala di priorità a partire dal risanamento delle istituzioni, del bilancio e del territorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nome della presunta amante di Stefano De Martino dato in pasto ai media: "Questa ragazza è disperata"

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Addio a Mario Savino: era stato l'impresario anche di Gigi D'Alessio e Gigi Finizio

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Tarro: "Ci sarà ancora qualche caso di Covid, ma non tornerà nessuna epidemia in autunno"

  • Il virologo su RaiTre: "Vi spiego perché il Covid ha 'perdonato' i festeggiamenti per la Coppa Italia a Napoli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento