PozzuoliToday

Monterusciello, i tombini in ghisa vanno "a ruba"

In via Modigliani, alle spalle degli uffici comunali dell'acquedotto, non è rimasto nemmeno più un tombino. I cittadini fanno causa all'amministrazione per i danni alle auto

Lo spiazzale in via Modigliani

Da non credere. Anche i tombini in ghisa vengono rubati, per poi riciclarli e metterli di nuovo in commercio. A guardare lo spiazzale in via Modigliani, nei pressi del così detto centro commerciale abbandonato, questa sembra essere l'ipotesi più plausibile.

Una vasta area, tra verde incolto e spazzatura mai rimossa, con vere e proprie voragini, provocate dall'estrazione di tutti i tombini in ghisa installati in passato dall'amministrazione comunale. La “quotazione” del materiale ghisa, infatti, è molto alta e già numerose volte i tombini sono stati nuovamente installati per poi essere diu nuovo rubati. Tutto alle spalle degli uffici comunali di Monterusciello.

Secondo indiscrezioni, tempo fa, il comune di Pozzuoli aveva anche chiesto la fornitura di “chiusure francesi” per i tombini, più sicure, impossibili da aprire. A causa dello stato pietoso delle casse comunali, però, l'accordo non andò a buon fine e intanto sono ancora tante le auto che, in procinto di sostare, ci finiscono con entrambe le ruote dentro, provocando non pochi danni al veicolo. Molte sono, infatti, le denunce di cittadini rivolte al comune, per una mancanza dell'amministrazione, la quale, prima o poi, sarà costretta a risarcire i tanti automobilisti danneggiati dalle voragini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

Torna su
NapoliToday è in caricamento