PozzuoliToday

Punta un coltello alla gola del fratello per soldi: arrestato

L'episodio è avvenuto a Pozzuoli. É stato il fratello maggiore del 33enne, vittima dell'aggressione, a disarmarlo e denunciarlo alla polizia

Polizia

Nella mattinata di ieri è stato arrestato a Pozzuoli un pluripregiudicato di 33 anni: l'accusa per lui è di estorsione. Verso le sette i poliziotti sono arrivati in un condominio di via Matilde Serao, dove alcuni vicini avevano segnalato una lite tra due fratelli. Dopo aver sedato gli animi, gli agenti hanno raccolto la denuncia del fratello maggiore, il quale ha raccontato di essere stato minacciato dall'altro con un coltello. I due avevano avuto una violenta colluttazione, al termine della quale la vittima dell’aggressione era riuscita ad disarmare il fratello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 33enne aveva poco prima tentato di entrare nell'abitazione in comune col fratello, danneggiando la porta d’ingresso. Successivamente aveva puntato il coltello verso l'aggredito, intimandogli di consegnare lui del denaro. L’uomo è stato arrestato e accompagnato all’ospedale Santa Maria delle Grazie dove è stato medicato e giudicato guaribile in cinque giorni. Poi condotto nel carcere di Poggioreale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento