PozzuoliToday

Babygang devasta sette auto: tra loro un ragazzino di 10 anni

Diciannove anni uno, tra i 15 ed i 16 anni gli altri quattro. Insieme ad un bambino hanno distrutto gli specchietti delle auto in sosta lungo via Montenuovo: sono stati denunciati

Specchietto

Una banda di cinque teppisti, tutti tra i 15 e i 16 anni eccetto un 19enne, sono stati denunciati dai carabinieri di Pozzuoli: i giovanissimi, con la complicità di un ragazzino di 10 anni, avevano devastato delle auto parcheggiate lungo via Montenuovo Licola Patria.

Ad allertare il 112 un cittadino che passava lungo la strada: i militari, una volta sul posto, hanno accertato che i teppisti avevano distrutto gli specchietti laterali di sette auto ferme ai bordi della carreggiata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla vista della gazzella la babygang si era data alla fuga, ma i carabinieri sono comunque riusciti a fermarli ed identificarli. Mentre il ragazzino di 10 anni è stato segnalato al tribunale per minorenni, gli altri sono stati denunciati: dato l’elevato numero di auto danneggiate si sta valutando anche la possibilità di imputar loro il reato di devastazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

Torna su
NapoliToday è in caricamento