PozzuoliToday

Virus "blue tongue", è allarme negli allevamenti bovini

Accertato un caso dall'Asl a Licola. Misure di prevenzione in un raggio di 10 km dal focolaio. La malattia si trasmette ai ruminanti attraverso punture d'insetti, ma non ha conseguenze sull'uomo

Bovini

È allarme infezione “blue tongue” in provincia di Napoli. Come raccontato sul Mattino da Patrizia Capuano, un caso di mucca infetta è stato riscontrato in un allevamento di Licola. Il bovino, secondo il servizio veterinario dell'Asl Napoli 2 Nord, sarebbe risultato contagiato dal virus Btv, che ai ruminanti viene trasmesso attraverso punture di insetti.

Scattate immediatamente le misure di prevenzione previste in casi come questo dal regolamento ministeriale. In un raggio di 10 km dalla zona del focolaio, vige il divieto di spostare animali.

A tal proposito, i sindaci di Pozzuoli e Bacoli, Vincenzo Figliolia ed Ermanno Schiano, hanno firmato contestualmente ordinanze volte inoltre a censire e identificare le aziende con ovini e bovini, stabilendo anche visite periodiche agli allevamenti (entro 4 km da quello di Licola).

L’azienda sanitaria locale ad ogni modo getta acqua sul fuoco. “L’infezione virale non si trasmette all'uomo né direttamente – spiegano – né attraverso il consumo di prodotti di origine animale, quali latte e carne".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Napoletana denunciata a Varese: documenti falsi per un finanziamento

  • Incidente sull'Asse Perimetrale, muore un giovane in scooter

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Un Posto al Sole non andrà in onda venerdì 13: le ragioni

Torna su
NapoliToday è in caricamento