PozzuoliToday

L'allevamento degli orrori: cani tra escrementi e cibo avariato

In un terreno di Bacoli erano tenuti, in condizioni tremende, più di cento animali. Il titolare dell'appezzamento e la sua famiglia sono stati denunciati per numerosi reati

Allevamento abusivo

Un centinaio di cani, in condizioni igienico-sanitarie spaventose, sono stati oggi tratti in salvo dalla polizia di Pozzuoli. Gli animali erano in un vero e proprio lager: stipati in conigliere, tra i propri escrementi, senza la possibilità di muoversi o di bere. Alcuni di essi, presi in carico dal personale veterinario, sono in condizioni di salute preoccupanti.

La maggior parte di loro – yorkshire, spitz, chihuahua, volpini, pinscher ed anche cinque esemplari di mastino napoletano – erano evidentemente destinati alla commercializzazione.

L'intervento degli agenti, in un appezzamento di terra a Bacoli, è avvenuto in seguito ad una denuncia dell'Eital, Ente Italiano Tutela Animali e Lupo. Con i cani anche tartarughe protette (testudo Hermanni), oltre che ovini, suini e bovini.
Al buio, dentro piccole gabbie o addirittura strettissimi box di cemento armato, gli animali venivano nutriti con cibo avariato. Sequestrata anche una busta in cellophane contenente farmaci e filo di sutura, con cui venivano effettuate medicazioni.


Al proprietario sono stati sequestrati anche cinque fucili ed una pistola. È stato denunciato con moglie e figli per ricettazione, maltrattamento di animali, allevamento abusivo, detenzione e commercio di fauna protetta, violazione delle norme igienico-sanitarie, somministrazione e detenzione di farmaci scaduti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Cosa ci fa una cuccia al centro di Piazza Garibaldi? La risposta

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

Torna su
NapoliToday è in caricamento